Gruppo di Preghiera Regina della Vittoria e della Pace




Il gruppo di preghiera " Regina della Vittoria e della Pace", è nato l'08 dicembre 2010, per consolidare l'esperienza fatta da un gruppo di persone in un pellegrinaggio a Medjugorje. Successivamente il gruppo di preghiera è cresciuto ulteriormente, ed ha come scopo quello di essere uno strumento di ausilio ed appoggio a tutti coloro che sentono nel proprio cuore il bisogno di voler intraprendere un nuovo cammino spirituale.

Il gruppo di preghiera ha come compito, nella parrocchia di S. Maria della Vittoria in Brescia via Cremona, di guidare, con la presenza del Sacerdote, l'Adorazione Eucaristica mensile che si tiene il primo sabato di ogni mese con inizio alle ore 20.30. In seguito all'esigenza di aiutare le persone che prendono parte all'adorazione è nato un piccolo gruppo musicale " Maranatha", che provvede, durante l'Adorazione Eucaristica e negli altri incontri di preghiera ad animarli con dei canti di adorazione e lode.

Pellegrinaggio Medjugorje 01 - 05 febbraio 2017

mercoledì 23 novembre 2011


CORONCINA DELLA DIVINA MISERICORDIA

Il 22 febbraio 1931 Gesù apparve in Polonia nel Convento di Plok a Suor Faustina Kowalska affidandole il messaggio della vera devozione alla Divina Misericordia. Essa stessa descrive così l'apparizione:"  La sera mi trovavo nella mia cella. Vidi il Signore vestito in candida veste. Aveva una mano alzata in atto di benedire; con l'altra toccava la tunica bianca sul petto. Dal petto per l'apertura della tunica, uscivano due grandi raggi: uno rosso e l'altro bianco. Dopo un istante, Gesù mi disse: "  Dipingi in quadro secondo il modello che vedi, e scrivici sotto: Gesù confido in Te! Desidero che questa immagine sia venerata nella vostra Cappella e poi in tutto il mondo!  ". I raggi sull'immagine rappresentano il Sangue e l'Acqua che sgorgarono dall'intimo della Misericordia sulla Croce, quando il mio Cuore fu aperto dalla lancia. Il raggio bianco rappresenta l'Acqua che giustifica le Anime; quello rosso, il Sangue che è la vita delle Anime.  " Gesù, poi promise: "  L'anima che venererà questa immagine non perirà. Le prometto, ancora sulla terra, la vittoria sui nemici, ma specialmente in punto di morte. Io, Signore, la proteggerò come mia gloria. I raggi del mio Cuore significano Sangue ed Acqua, e riparano le Anime dall'ira del Padre mio. Beato chi vive alla loro ombra, poichè non lo raggiungerà la mano della Giustizia Divina. Proteggerò come una madre protegge il suo bambino, le anime che diffonderanno il culto alla mia Misericordia, per tutta la loro vita; nell'ora della loro morte, non sarò per loro Giudice ma Salvatore.  "


domenica 20 novembre 2011



LA MEDAGLIA MIRACOLOSA

E' stata coniata per volontà della Madonna, in quanto fu lei a chiederlo espressamente a S. Caterina Labourè nell'apparizione del 27 novembre 1830, a Parigi (140, Rue De Bac - Il Santuario, in cui si trova la Cappella della Medaglia miracolosa). La Madonna disse a S. Caterina Labourè: "Fa coniare una Medaglia su questo modello: le persone che la porteranno riceveranno grandi grazie; le grazie saranno più abbondanti per le persone che la porteranno con fiducia". Sul dritto della Medaglia suor Caterina aveva visto la Madonna di bianco vestita, con le braccia distese sul mondo, le dita delle mani emananti fasci di luce di vario splendore; e le parole: "O Maria concepita senza peccato, prega per noi che a te ricorriamo". Sul rovescio, fra dodici stelle, la lettera M sormontata da una croce e, sotto, il Cuore di Gesù circondato da una corona di spine ed il Cuore di Maria trafitto da una spada. Ufficialmente approvata dalla Chiesa, la Medaglia miracolosa si è diffusa dovunque e nessuno può contare le "grandi grazie" ottenute. Tra le più note, la conversione dell'ebreo Alfonso Ratisbonne, il 20 gennaio 1842, a Roma, nella chiesa di S. Andrea delle Fratte: conversione che suscitò 75 anni dopo nel giovane Massimiliano Kolbe una delle più forti spinte a fondare la Milizia dell'Immacolata. Un busto marmoreo del Santo ricorda oggi la Prima Messa che egli volle celebrarvi il 29 aprile 1918. La verità di fede espressa dalle parole incise sulla Medaglia miracolosa: "O Maria concepita senza peccato…" anticipava la solenne definizione della Chiesa fatta da Pio IX l'8 dicembre 1854, confermata poi dalla Madonna a Lourdes nel 1858 con le parole dette a Bernadette: "Io sono l'Immacolata Concezione". In questa verità si evidenziano almeno tre dei privilegi di cui è ricca la Madonna: l'immacolatezza della sua concezione, la sua Mediazione universale, la sua Regalità. Così Maria è a pieno diritto nel "Mistero di Cristo e della Chiesa".